-->
Category

Articoli

Glaswelt November 2020

Glaswelt November 2020

By | Articoli

Ab November finden Sie uns auch an Glaswelt. Dies ist unser Editorial.

Beschlagspezialist Colcom entwickelt und produziert hydraulische Beschlagsysteme, die für Innen- und Außentüren, auch im Wellnes-, Sauna, Bad- und Sanitärbereich, einsetzbar sind.

Diese Beschläge ermöglichen ein konstantes, kontrolliertes und automatisches Schließen von Türen.
Im Programm sind die Hydraulikbeschläge der Serien Biloba, Triloba, Unica, Bilobina, EVO und das Slash-Hydrauliksystem.

Hydraulische Systeme ergänzen die bekannten Eigenschaften von herkömmlichen Türschließern und bieten wesentliche Vorteile gegenüber Beschlägen mit Federtechnik.
Colcom produziert Systeme, Schlösser und Befestigungen mit denen sich auch sehr große und schwere Glastüren sicher und zuverlässig „drehen“, „pendeln“, „schieben“ oder „falten“ lassen.
Die reduzierten Abmessungen der Beschläge zeichnen sich durch ein klares und elegantes Design bei einfacher Montage aus. Die Ästhetik geht jederzeit mit den aktuellen architektonischen Tendenzen einher.
Damit geht der Anbieter auf die Bedürfnisse der Kunden ein, die Räume schöner, funktionaler und sicherer gestalten möchten.

Die Produkte der Marke Colcom werden durch ein umfassendes Sortiment an Zubehörteilen ergänzt und finden Anwendung in vielen Segmenten:
Innentüren, Außentüren, Duschabtrennungen, Saunen, Trennwandsysteme, Schiebetüren, Schlösser, Haltegriffe.

Colcom-Produkte sind durch zahlreiche internationale Patente geschützt. Langjährige Erfahrung und ständige Weiterentwicklungen erfüllen damit Leistungsanforderungen, die über die Merkmale herkömmlicher Türschließer hinausgehen.

Dank des ständigen Engagements bei der Entwicklung intelligenter Produkte hat sich Colcom auf konstante und dynamische Weise, seit vielen Jahren im Markt etabliert und weltweit zu einer Referenzmarke bei Beschlägen entwickelt.

Glaswelt November 2020 Artikel
il sistema kanban per la gestione delle scorte

Il sistema Kanban per la gestione delle scorte

By | Articoli

Diminuire i lead time ed aumentare l’efficienza del sistema produttivo

Dopo un periodo in cui ci siamo affidati al sistema MRP per il lancio degli ordini di produzione, si è deciso di ritornare a gestire le scorte grazie al metodo KANBAN, un sistema semplice ed efficace che ci ha accompagnato per oltre un ventennio.

Il sistema Kanban è un metodo di gestione delle scorte PULL, finalizzato quindi a conseguire alti volumi produttivi utilizzando minimi livelli di scorte di materie prima, WIP (semi lavorato) e prodotti finiti.

Con il termine Kanban si intende un cartellino che identifica un determinato quantitativo di un preciso codice di materiale, sia finito, semilavorato o di acquisto, che ha il compito di autorizzare le operazioni di rifornimento e produzione di componenti a monte. Ogni Kanban è quindi caratterizzato da un codice e da quantità, oltre che da un suo proprio percorso ed è legato al materiale di pertinenza in un magazzino, e finché il materiale è giacente, funge da semplice identificativo.

A differenza del sistema MRP, in cui la produzione “spinge” i beni verso i clienti a valle e di conseguenza il flusso di prodotto avviene sulla base della previsione della domanda futura, il sistema Kanban non parte da una previsione, bensì dalla concreta esigenza manifestatasi a valle del processo produttivo. Il Kanban costituisce dunque uno strumento gestionale mediante il quale si può organizzare un processo produttivo, con l’obiettivo di garantire contemporaneamente flessibilità, qualità, produttività e bassi tempi di risposta.

“Da un punto di vista strettamente legato alla produzione, questo tipo di sistema, ha lo scopo di ridurre l’entità dei lotti di produzione, per diminuire anche i lead time ed aumentare l’efficienza e l’elasticità del sistema produttivo”

il sistema kanban per la gestione delle scorte
Perche' scegliere una cerniera chiudiporta

Perché scegliere una cerniera chiudiporta

By | Articoli

Perche' scegliere una cerniera chiudiporta anziche' un tradizionale chiudiporta?

Ogni giorno migliaia di porte in vetro vengono aperte e chiuse sia in ambito privato che in ambito pubblico. Gli ingressi in luoghi molto frequentati come bar, negozi, uffici pubblici, necessitano di un chiudiporta così come le nostre case. La cerniera chiudiporta accompagna in modo automatico la chiusura dell’anta evitando inquesto modo la disattenzione degli utenti o dei clienti o dei nostri figli che di solito le lasciano aperte. Le cerniere chiudiporta funzionano attraverso un meccanismo di tipo idraulico che spinge la porta in modo graduale sino alla sua totale chiusura.

PERCHÉ SCEGLIERE UNA CERNIERA CHIUDIPORTA IDRAULICA E NON UN CHIUDIPORTA TRADIZIONALE?

• Facilità e rapidità di installazione
• Ridotti sopralluoghi in cantiere
• Nessun rischio di rottura accidentale di pavimenti esistenti in caso di ristrutturazioni
• Eliminazione di elementi anti-estetici quali chiudiporta aerei o placche sul pavimento
• Eliminazione costi per rottura pavimenti ed installazione chiudiporta a pavimento e sigillatura
• Possibile installazione su abitazioni con riscaldamento a pavimento
• Possibile installazione su profili (frame) per insonorizzare/isolare gli ambienti

Molteplici possibilità applicative e molteplici le tipologie di cerniere chiudiporta disponibili. Il mondo dei chiudiporta tradizionali offre tendenzialmente 2 modelli: i chiudiporta aerei e i chiudiporta a pavimento per installazioni su porte da interno ed esterno. Il mondo delle cerniere chiudiporta idrauliche offre innumerevoli tipologie di modelli, varietà di design, possibilità applicative che spaziano dalla porta interna, alla porta esterna, ai box doccia.

Le principali caratteristiche delle cerniere oleodinamiche

DINAMICITÀ
• Certificate secondo il TUV
• Testate in laboratorio
• Controllate singolarmente e matricolate

VERSATILITÀ
• Chiusura a velocità costante e fluida
• Regolazione della velocità, dello scatto, dell’allineamento

AFFIDABILITÀ
• Per interni, esterni, zona bagno, zona wellness/spa
• Versioni personalizzate/light

Le cerniere oleodinamiche hanno ottenuto dal TÜV la certificazione EN1154 che le equipara a tutti gli effetti a dei chiudiporta pur avendo un rendimento ben superiore (oltre il 90% per le cerniere contro il 50-60%dei tradizionali chiudiporta).

Perche' scegliere una cerniera chiudiporta
Perche' scegliere una cerniera chiudiporta
Perche' scegliere una cerniera chiudiporta
Perche' scegliere una cerniera chiudiporta
magazine-aziendale-header

Come sta cambiando il ruolo dei venditori?

By | Articoli

Il pensiero di Xavier Ilarza

Xavier Ilarza

Si è già detto molto su COVID e sulle conseguenze che questo virus sta portando a tutti gli aspetti della nostra vita, quindi non è mia intenzione in questo articolo raccontare al mondo qualcosa che probabilmente è già stato detto o scritto prima. Mia intenzione è di riflettere con voi sul futuro dei ruoli nelle vendite in questo nuovo scenario in cui, il tradizionale ruolo di venditore è a un punto di svolta. Essere un venditore che viaggia in tutto il mondo allo scopo di incontrare, visi-tare e confrontarsi direttamente con i clienti è diventato un lusso, alcuni dicono che non sarà mai più lo stesso.
La domanda principale che mi pongo è … Noi venditori dobbiamo iniziare a pensare di reinventarci e trovare nuovi lavori da fare in futuro? La risposta che mi do è duplice ; sì e no allo stesso tempo …“Dobbiamo trovare un nuovo lavoro da fare in futuro?
”Certamente no, ma dobbiamo convertire i nostri ruoli e il nostro modo di operare per adattarci al nuovo scenario fornendo valore aggiunto ai nostri clienti in un modo diverso da quello che conoscevamo.
“Cosa e come dobbiamo cambiare per adattarci alla cosiddetta “nuova normalità? ”È chiaro che i nostri clienti saranno ancora disposti ad essere supportati tecnicamente e commercialmente da venditori di cui si fidano, ma ora è necessario farlo a distanza utilizzando metodi online. I venditori devono essere utenti esperti di tutti i tipi di piattaforme online per connettersi con le persone e stabilire un contatto proprio come se fossimo nello stesso ufficio. Allo stesso tempo i clienti dovranno essere più disponibili a partecipare a riunioni e corsi di formazione online per essere aggiornati sulle ultime innovazioni di prodotto e sulle tendenze relative alla loro attività. So che molti di voi penseranno che gli incontri online non potranno avere l’efficacia di un incontro dal vivo con un cliente o un fornitore con cui si può discutere e parlare prendendosi un caffè o un tè. Nemmeno le fiere, le presentazioni di prodotto, gli eventi, i training possono essere facilmente sostituiti in formato digitale … ed anch’io lo credo … sarebbe come dire che assistere ad una partita di calcio allo stadio è come guardarla dal divano di casa …Quello che voglio sottolineare è che nonostante tutto, la crisi COVID come tutte le altre crisi precedenti, sta portando a tutti noi nuove opportunità. Anche per noi venditori è un’opportunità ridurre i tempi di viaggio e ottimizzare il tempo con clienti e colleghi. Passare meno tempo al volante, evitare le file negli aeroporti di tutto il mondo, usare la nostra mente e la nostra anima per fornire nuove idee e informazioni di mercato alle nostre aziende dovrebbe certamente essere un vantaggio per qualsiasi organizzazione. In Colcom siamo tutti impegnati, giorno dopo giorno ad evolverci e ad adattarci alle nuove sfide. Il cambiamento è una parte essenziale del gioco in qualsiasi organizzazione, per questo vogliamo solo guardare avanti in modo positivo e motivato. Sfortunatamente COVID rimarrà con noi per un altro po’ e ci costringerà ad adattarci e a cambiare ruolo ma sarà con il nostro impegno che lo supereremo come per tutte le altre crisi della storia. I ruoli dei venditori si saranno adattati e cambiati a quel punto, ma saranno ancora di fondamentale importanza in ogni organizzazione; forse in modo diverso, ma comunque essenziali per costruire solidi ponti tra fornitori e clienti.

software warehouse picking

Nuovo software warehouse picking

By | Articoli

Il picking agevolerà il prelievo degli articoli dagli scaffali

software warehouse picking

Dopo diversi mesi di sviluppo, è pronto il nuovo software di prelievo articoli di magazzino che renderà ulteriormente affidabile un’operazione che prima era demandata completamente all’attenzione dell’operatore. L’operatore sarà dotato di un laptop convertibile (in tablet) e di una pistola scanner bluetooth. Tramite lo schermo di questo laptop, sarà in grado di visionare la propria spedizione con la lista di articoli in ordine, e prelevare il relativo prodotto scansionando il QRcode presente sull’etichetta incollata sulla scatola.

In questo modo se il prodotto prelevato sarà effettivamente presente nella lista, il software lo conteggerà e lo aggiungerà alla quantità prelevata scalandolo dal magazzino; diversamente, se il prodotto non sarà presente nella lista, il software genererà un segnale sonoro ed un msg di allerta che avvertirà l’operatore dell’errore.

I controlli effettuati in questa fase saranno in merito alla correttezza del codice ed alle quantità (l’operatore non potrà prelevare più articoli di quanti effettivamente non siano in ordine).

Oltre alla funzionalità sopra descritta, è stata anche implementata una nuova etichetta, che verrà generata in fase di gestione iniziale dell’ordine di produzione, dotata di QRcode, contenente nel proprio tracciato sia il codice del prodotto, che identifica appunto il tipo di prodotto, sia il numero di matricola (o i numeri di matricola in caso in cui la confezione ne contenga più di uno) che permetterà la tracciabilità dell’articolo dal momento in cui verrà assemblato al momento in cui verrà venduto.

Questi due sviluppi permetteranno una maggiore qualità di servizio, aumentando ulteriormente l’affidabilità delle spedizioni, ed una maggiore visibilità sulla vita del prodotto, potendone tracciare la storia.